Associazione Culturale San Domenichino MARINA DI MASSA Cas. Post. 103 Poste Massa 1 Via Carducci, 40 54100 MASSA (MS

   
  La Giuria
   

 

IL SAN DOMENICHINO DI POESIA
LA STORIA DI UN PREMIO CHE VIENE DA LONTANO


Il Premio di Poesia S. Domenichino ha una tradizione consolidata sul territorio massese ed un’importanza ormai nota alla grande schiera dei Poeti, non solo italiani.
Un Premio al passo con i tempi in grado di sapere interpretare il nuovo con il linguaggio dei poeti: comunicare con il verso sentimenti e valori, come risposta alla domanda angosciosa che l’Uomo, nella continua ricerca di appagamento si pone e che, “operaio di sogni”, come disse Salvatore Quasimodo, tenta di dare una sua risposta alla dimensione tecnologica del mondo, che spesso rivela carenza ed incapacità di comunicare.

Il Premio di poesia trae le sue origini nel lontano 1914 quando, in località “Poveromo” di Marina di Massa, un movimento di popolo scendeva ogni anno dal paese di Turano, sobborgo di Massa, per celebrare “S. Domenichino” che per i Turanesi era la prosecuzione, il giorno successivo, della festa del Patrono S. Domenico, ricorrente la prima domenica d’agosto. Alcuni di questi uomini si prefissero, ogni anno, di consumare gli avanzi dei “grandi desinari” del giorno precedente all’ombra delle pinete in località detta appunto “Poveromo”. La festa, come si usava dire di “S. Domenichino”, si svolgeva tra canti, balli e stornellate: caratteristico era il “Canto del Maggio”, ancora attuale in alcune frazioni del comprensorio massese.
Con l’intento di voler soddisfare l’esigenza di una presenza religiosa per un flusso sempre più consistente di persone nella plaga del “Poveromo”, i Padri Cappuccini realizzarono la costruzione di una cappella, anche per comodità dei molti popolani che nel frattempo ivi si erano insediati (siamo nell’anno 1947). Diversi i Frati che si alternarono, nei giorni festivi, per celebrare la S. Messa, finché nell’anno 1955 Padre Gesualdo Grassi, già vice parroco a Quercioli, ebbe l’incarico di avere cura in modo stabile dei parrocchiani della zona. A seguito di questa presenza nasce così, nel 1958, il “Premio Letterario S. Dom enichino” di cui Padre Gesualdo è l’ispiratore ed attivissimo organizzatore per ben sei edizioni, dal 1958 al 1963, oltre che Presidente, per le prime due edizioni, cui faranno seguito in tale carica Giuseppe Bertozzi e Lino Steli. Padre Grassi, con l’intento di fare del “Poveromo” sia un angolo di Fede popolare che di serenità e svago, prende contatti con l’Azienda di Soggiorno di Marina di Massa, presso la quale troverà oltre al consenso, anche uno dei suoi futuri e più validi collaboratori, ovvero il poeta Decimo Del Fiandra. (Continua)

 


Autostrade  
F.F.S.S.  
Meteo  
Costa Apuoversiliese  
 

 

Comune di Massa
Provincia di
Massa-Carrara
Regione Toscana
 
 
 
Galleria Fotografica

 

 

  Created by Bedlam  
  © Copyright
"San Domenichino - Città di Massa"
  Associazione Culturale San Domenichino